First Slide

#Luminol

il nuovo ebook di Mafe De Baggis

#Luminol non è l’ennesimo “ebook su Internet”, è un ebook sulla modernità. Mafe De Baggis decide di usare i media digitali come uno strumento di analisi, allo stesso modo in cui i detective della Scientifica impiegano il luminol, la sostanza capace di svelare tracce e indizi sulla scena di un crimine.

I 7 vizi e le 7 Virtù rivelate dai media digitali

7 Vizi

Violenza, Narcisismo, Rigidità Mentale, Dietrologia, Analfabetismo, Cialtroneria, Conservatorismo

7 Virtù

Generosità, Leggerezza, Simpatia, Passione, Determinazione, Indipendenza, Evoluzione

Video

Connettersi alla realtà

Lettori e recensioni

Melamela

Melamela

Mi è piaciuto di questo libro come la De Baggis affronta la contrapposizione culturale tra tecnoscettici e tecnoentusiasti nei confronti della rete che è in atto nel nostro paese, ma non solo nel nostro paese.

Giuliana Laurita

Giuliana Laurita

Madonna quanto mi è piaciuto questo libro. È che dopo tanto tempo leggo finalmente un libro che (nasce da e) serve a pensare, non a fare. Che crea uno scenario politico, non professionale. Che guarda fuori dalla finestra, non nello specchio. Grazie Mafe.

Lettori

Lettori

Si tratta di starci, di esserci, in rete e nel digitale. E lì, anche grazie a questo specchio, fare i conti con quel che realmente siamo. A questo serve il #Luminol, appunto, a vedere meglio in noi e nel mondo. Lettura d'obbligo per chi, pensando di sapere già tutto, legge poco. A cominciare da giornalisti e insegnanti (universitari e no).

Mafe De Baggis

45 anni, freelance, progetto e gestisco iniziative di comunicazione (relazioni pubbliche e copywriting) dal 1991 e dal 1998 cerco di mettere a frutto la mia esperienza del mondo della comunicazione tradizionale per portare in Internet le aziende, le testate e le persone che ne sentono il bisogno, guidandole a interpretare e vivere correttamente un medium complesso e divertente (e ormai parte dell’esperienza quotidiana di chiunque).
Lavoro per liberare le energie delle aziende e delle persone mettendo ordine nel loro modo di comunicare, di raccontarsi, di entrare in relazione con gli altri. Lo faccio usando soprattutto i media digitali, ma solo perché da una quindicina d’anni sono l’ambiente più interessante tra tutti quelli a disposizione.
All’attività di consulenza di comunicazione e di progettazione di ambienti sociali online (community, blog, social media) associo la formazione (in aula e personale) e la scrittura (Le tribù di Internet, 2001, Hops Libri; Lei non sa chi sono io, 2007, RGB Editore; Preso nella rete, 2009, Morellini Editore; World Wide We, Apogeo, 2010). Ho avuto una rubrica su Punto Informatico (NoLogo). Per 7 anni ho tenuto un blog doppio, Maestrini per caso; dal 2009 sono tornata a scrivere su toni più personali sul blog Brightside e soprattutto su Twitter. Ho appena pubblicato il saggio breve “#Luminol. Tracce di realtà rivelate dai media digitali“ per Informant.